L’ISIA di Roma promuove l’inclusione come uno dei valori caratterizzanti la cultura del Design. Alla base di una buona progettazione c’è l’attenzione alla collettività e alla specificità di ciascuno come valore di unicità.
L’Istituto per migliorare la propria attività formativa, renderla aggiornata e sempre attenta ai suoi studenti, ha sottoscritto una collaborazione con l’AID-Associazione Italiana Dislessia punto di riferimento nazionale sulle tematiche del BES e DSA.

Gli strumenti e i servizi attivati vedono il punto di partenza con la costituzione di un “Gruppo di lavoro per lo sviluppo e la promozione delle tematiche BES/DSA”, che ha predisposto delle linee guida interne, la nomina di un “Tutor accademico per la didattica inclusiva – referente DSA/BES” e l’avvio di un servizio di counseling psicologico.

L’Istituto per migliorare la propria attività formativa, renderla aggiornata e sempre attenta ai suoi studenti, ha creato un “Gruppo di lavoro per lo sviluppo e la promozione delle tematiche BES/DSA” interno in collaborazione con l’AID-Associazione Italiana Dislessia punto di riferimento nazionale sulle tematiche del BES e DSA.

Il Gruppo di lavoro composto da Docenti e tutor è stato formato per poter al meglio guidare gli studenti, consigliare tutto il corpo docente, promuovendo all’interno dell’Istituto una cultura dell’inclusione e dell’attenzione ai diversi bisogni educativi. Il Gruppo di lavoro continua ad aggiornare, monitorare e migliorare l’approccio della didattica ISIA ai temi dell’inclusività. Il Gruppo di lavoro diviso in aree didattiche ha sviluppato delle proposte specifiche per ciascuna area metodologica. Sono inoltre state prodotte delle schede da sottoporre anonimamente agli studenti BES/DSA per raccogliere informazioni e dati utili alla stesura delle Linee guida.

Il Gruppo ha predisposto “Le linee guida ISIA Roma per le tematiche BES/DSA”

Il Gruppo di lavoro per lo sviluppo delle tematiche BES/DSA è composto dai proff.ri: Giacomo Fabbri (Referente), Massimo Ciafrei, Antonello Lipori, Lorena Luzzi, Edy Fantin, Luigi Cuppone, Marco Ripiccini, Rossella Caruso, Claudia Iannilli, Federica Spera, Elena Rausse. Integrata con i tutor/PhD: Diletta Damiano e Aureliano Capri

Il “Tutor accademico referente BES/DSA” è una figura che facilita l’inserimento e l’inclusione nell’Istituzione degli studenti BES/DSA. In particolare, il tutor accademico supporta e indirizza il corpo docente, in sinergia con il Gruppo di Lavoro, interagisce con la struttura didattica e con i servizi dell’Istituzione.

Il “Tutor accademico referente BES/DSA è il primo punto di contatto per gli studenti con Disturbi Specifici dell’Apprendimento o con Bisogni Educativi Speciali, programma e coordina gli interventi didattici finalizzati a garantire il diritto allo studio degli studenti con DSA e BES. In particolare si occupa di:

  • assicurare l’accoglienza e la mediazione con l’organizzazione didattica;
  • prevedere nelle prove di ammissione e nelle prove degli esami curriculari di profitto tempi aggiuntivi fino al 30% e consentire l’uso degli strumenti compensativi e dispensativi previsti, in relazione al tipo di DSA e alla indicazioni della certificazione prodotta;
  • essere punto di riferimento per gli studente nel corso della vita accademica.

Il “Tutor accademico referente BES/DSA” è il prof. Giacomo Fabbri [email protected]

Modalità di accesso al servizio

Per accedere al servizio è necessaria la consegna di una certificazione diagnostica valida (di DSA, BES, ADHD, Disabilità) rilasciata dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN), o da specialisti o strutture accreditate, se previste dalle Regioni.

Come previsto dalla legge n.170 del 2010 (art. 3) e dal successivo Accordo Stato Regioni del 24/7/2012, la diagnosi deve essere aggiornata dopo 3 anni se eseguita dallo studente di minore età; non è obbligatorio che sia aggiornata se eseguita dopo il compimento del 18° anno.

La certificazione va consegnata alla Segreteria Studenti, che provvederà ad inviare una segnalazione al Tutor accademico referente BES/DSA.

Lo studente dovrà contattare il Tutor accademico referente BES/DSA per fissare un eventuale incontro, all’indirizzo mail [email protected]

Tale procedura apre allo studente la possibilità di fruire dei servizi e delle misure di flessibilità didattica previste dalla legge.

La certificazione di DSA o Disabilità può essere inviata all’Istituto:

  • Attraverso il portale ISIDATA, in fase di iscrizione al test di ammissione, per potere usufruire del tempo aggiuntivo ritenuto congruo in relazione alla tipologia di prova (non superiore al 30% in più) o di ulteriori misure atte a garantire pari opportunità nell’espletamento delle prove stesse;
  • Attraverso il portale ISIDATA, nella fase di immatricolazione e perfezionamento dell’iscrizione (se non già caricato in fase di iscrizione al test di ammissione), per potere, in seguito, usufruire dei servizi forniti e delle misure compensative e dispensative;
  • Consegnandola in segreteria studenti, successivamente all’iscrizione, se all’atto dell’iscrizione non è stata presentata.

La certificazione deve:

  • riportare i codici nosografici e la dicitura esplicita del DSA/Disabilità in oggetto;
  • contenere tutte le informazioni necessarie per comprendere le caratteristiche individuali di ciascun soggetto;
  • individuare le rispettive aree di forza e di debolezza della persona.

Per supportare gli studenti dell’ISIA di Roma è stato avviato un servizio di consulenza individuale di sostegno psicologico a studenti, che vivono periodi di difficoltà e/o disagio personale, con ricadute sul rendimento accademico, con particolare attenzione agli studenti con disabilità e Disturbi Specifici dell’Apprendimento. Il servizio è svolto in collaborazione con l’AID-Associazione Italiana Dislessia attraverso la dott.ssa Francesca Montanari, psicologa professionista.