Loto è una struttura piramidale composta da moduli bidimensionali che posso essere aggregati in composizioni di tre o quattro, creando piramidi rispettivamente a base triangolare o quadrata. La particolare conformazione dei moduli con il loro assemblaggio permette a Loto di modulare la luce con un semplice gesto delle mani, che facendo scorrere le pareti parallelamente tra loro, aumentano o diminuiscono il foro di uscita della luce. Questa caratteristica permette non solo di modulare la quantità di luce da emettere, ma porta questa struttura a svolgersi mostrando l’intreccio dei moduli, che dalle varie sovrapposizioni creano un singolare effetto di trasparenze.

Negli spigoli della piramide, mancando la sovrapposizione di più strati di moduli, si viene a creare una maggiore permeabilità di luce che va a formare segni netti in contrapposizione alle diverse facce del modulatore. Queste in base al movimento che gli viene impresso presenteranno più o meno parti in sovrapposizione, lasciando filtrare di conseguenza diverse quantità di luce. La scelta dei materiali, carta o polipropilene, permette poi di creare particolari effetti non solo di trasparenze ma anche di riflessioni. Dalla sperimentazioni su vari materiali si è infatti riconosciuta la grande potenzialità della carta di filtrare e diffondere la luce, creando diversi effetti in base alla qualità e alla grammatura che la caratterizzano. Inoltre affiancandola ad un materiale quale il polipropilene, le cui rifiniture opache permettono una grande diffusione ed espansione di luminosità, si è trovato un compromesso tra modulazione e riflessione di luce. Questa caratteristica viene enfatizzata nella composizione di più modulatori.

Loto è stato aggiornato il: 08/05/18 da ISIA Roma Design