Ricerca e Sviluppo con le Imprese

I.S.I.A. Roma Design si occupa della formazione di designers al miglior livello professionale e finalizzata alle attività d’impresa nel campo del design, sia in propri studi professionali, sia presso industrie manifatturiere, sia in centri di ricerca e progetto di grandi imprese multinazionali, sia per attività legate alla critica del progetto, compresa la libera docenza nel campo del design.

Oltre la didattica ordinamentale, I.S.I.A. Roma Design svolge attività di ricerca scientifica frontale con le imprese attraverso convenzioni, stages, workshop e tirocini di formazione e di orientamento professionale, acquisendo ulteriori risorse dal finanziamento esterno. Come felice esito di questa prassi, I.S.I.A. può registrare un totale e rapido inserimento dei propri diplomati nel mondo del lavoro poiché producono cultura di progetto, metodo e forma mentis adeguate a rispondere con flessibilità e prontezza alle nuove domande di profili professionali.

La specificità del processo didattico di I.S.I.A. Roma Design è basata su:

  • forti fondamenti di metodologia della progettazione, inclusi gli aspetti formativi di carattere metaprogettuale come indispensabile passaggio di ricerca sui linguaggi;
  • un peculiare studio trasversale della tecnologia e dei materiali – sia tipici sia innovativi – che sarà caratterizzante il lavoro del designer in rapporto alla conoscenza delle tecniche produttive e delle scelte di progetto;
  • un forte impianto di cultura di base in cui diversi insegnamenti quali, ad esempio, la matematica, la semiotica, la psicologia, la storia, la sociologia, giocano un ruolo fondamentale di armonizzazione di teoria e prassi del design, che viene acquisita all’interno di “laboratori di progettazione” in cui gli studenti sono fortemente assistiti e guidati dai docenti;
  • una forte professionalità nell’uso della modellazione digitale e della multimedialità in laboratori dove l’uso e la pratica sono quotidiani per il felice rapporto numerico di macchine e utenti;
  • fondamenti di cultura specialistica di contesto su discipline quali l’economia industriale, il marketing e la strategia d’impresa, competenze professionali che potenziano la capacità del designer di “interfacciarsi” con tutti gli enti e i personaggi dell’organizzazione aziendale;
  • una forte predisposizione ad essere percepiti come portatori di nuova professionalità presso quelle imprese coinvolte in processi di design ed anche, con eguale efficacia, in campi progettuali di nuova concezione.

ISIDE – Centro di ricerca per il design e la tecnologia è un centro di ricerca la cui attività è finalizzata alla gestione della complessità, all’integrazione delle competenze scientifiche, alla complementarietà dei campi disciplinari, ed è tesa a creare l’innovazione dei processi progettuali e produttiviin grado di comunicare alla società utente lo scarto culturale tra il catalogo delle merci e il fare umano. 

La coscienza, e la necessità, di una visione sistemica del progettare ha posto un’istanza intellettuale forte sulla creazione di ISIDE, predisponendolo alla ricerca su temi come la qualità della vita, i nuovi sistemi insediativi, la sostenibilità ambientale e tecnologica, i nuovi bisogni della persona e della collettività.

ISIDE accoglierà perciò designer e ingegneri fautori di una rinnovata cultura materiale e, contestualmente, interpreti dell’immaterialità della nostra epoca, per la quale il “design etico” rappresenta un segmento importante, alla ricerca di una convivenza possibile in una società irreversibilmente percepita come informatizzata, multietnica e multiculturale.

ISIDE è sorto con il contributo economico e organizzativo di SPES che ha finanziato il ripristino all’uso dei locali del mezzanino della sede ISIA realizzando la messa a norma degli impianti e la rinnovata vivibilità degli ambienti. A questo impegno economico di SPES è da aggiungere il risolutivo finanziamento pervenuto dalla Direzione Generale AFAM che ha permesso di acquisire le necessarie attrezzature scientifico-didattiche per l’esercizio del Centro.

Si sottolinea che l’istituzione non ha in dotazione fondi AFAM destinati alla ricerca e quindi tale attività verrà sviluppata solo attraverso il felice esito di buona reputazione, di buona qualità e di attendibilità scientifica rappresentata dalla professionalità dimostrata dai docenti e dagli studenti coinvolti.

Il budget per la ricerca è perciò finanziato esclusivamente dall’esterno da parte dell’impresa committente e va a compensare l’impegno dei docenti, dei tutor e degli studenti, nonché le spese generali e di produzione.