Presente e futuro

Rispondere al presente, immaginare il futuro.

 

ISIA di Roma nasce nel 1973 dalla necessità di formare designer professionisti nel solco della grande tradizione europea, intellettuale e pedagogica, esemplificata nella Bauhaus e nella Hochschule für Gestaltung di Ulm, da cui eredita un impianto metodologico di eccellenza, innestato sulla grande tradizione italiana di creatività e innovazione del prodotto, propria degli anni del dopoguerra.

Nata dai contributi di personaggi quali Giulio Carlo Argan, Aldo Calò, Renato Pedio, Andries Van Onck, Rodolfo Bonetto, Vittorio Franchetti Pardo, Enzo Frateili, Augusto Morello, Sergio Pininfarina, Luigi Ferro e Stefano Salvi, attuale Presidente, ISIA di Roma viene riconosciuta oggi come modello di istituzione moderna e innovativa per gli orientamenti di ricerca e progettazione.

Il ciclo di studi si divide in un corso triennale per il conseguimento del Diploma Accademico di primo livello in “Disegno Industriale” e in un corso biennale di secondo livello in “Design dei Sistemi“. Recentemente ISIA Roma Design ha attivato corsi decentrati a Pescara e a Pordenone. L’ammissione degli studenti è programmata su piccoli numeri per garantire l’efficienza dell’insegnamento e l’efficacia del rapporto con i docenti. La didattica basata sul numero programmato si realizza nell’atelier, luogo fisico di sperimentazione e centro dell’attività interdisciplinare e del confronto fra studenti e docenti. L’attività didattica verte sulla costante relazione fra individuazione degli obiettivi, definizione del metodo ed espressione creativa.

Forte di un’attività quarantennale strutturalmente fondata sulla ricerca e la sperimentazione, ISIA di Roma può contare oggi su un patrimonio culturale e un’esperienza scientifica e didattica pressoché unica in Italia, in grado di fornire allo studente i mezzi adeguati per individuare i profondi cambiamenti socioeconomici e tecnologici, e tradurli in atti di creazione, qualificando il designer sia come portatore di rinnovata cultura materiale, sia come interprete dell’immaterialità della nostra epoca.

ISIA di Roma individua nella progettazione il momento essenziale di dialettica fra individuo e società, domanda e sostenibilità, espressione e riflessione, e intende il design quale configurazione dell’eccellenza di ogni genere di produzione strumentale e dell’ingegno. L’impegno richiesto dall’istituzione crea nello studente consapevolezza della complessità e capacità di assumere responsabilità di progetto nei sistemi di impresa.